1° Forum di Astronomia Amatoriale Italiano

Il primo forum di astrofili per astrofili, nato nel 2000.
Oggi è mercoledì 2 dicembre 2020, 13:35

Menu

* Home
* Iscriviti
* La Bacheca
* F.A.Q.
* Cerca
* Login/Logout 

Login

Nome utente:
Password:

 Ho dimenticato la password

In Linea

Visitano il forum: Nessuno e 13 ospiti

Regolamento

regolamento

Links

*
Astrocafè

Segnala bolide
* Meteoblue.com
* Previsioni seeing
* Il Meteo.it
Help Forum
 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora


Regole del forum



IMPORTANTE: Regole per usare correttamente la sezione Eventi, Appuntamenti e Iniziative



Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 33 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3, 4  Prossimo
Autore Messaggio
MessaggioInviato: martedì 28 aprile 2020, 11:10 
Avatar utente

Iscritto il: martedì 2 maggio 2006, 8:59
Messaggi: 5140
Località: Roma
Tipo di Astrofilo: Visualista
Non sono ancora riuscito a vedere un trenino Starlink, finora i passaggi sono stati tutti dal lato opposto del palazzo dove sono segregato.

Comunque pare che qualcosa si stia muovendo per ridurne l'impatto, almeno nell'ottico (per la radioastronomia sarà un altro problema).

L'articolo è in inglese, ma per chi non lo mastica, anche senza il traduttore la figura è abbastanza esplicativa:
https://spacenews.com/spacex-to-test-st ... rightness/

_________________
Claudio

"Los que van con prisa, nunca ven el cielo"
Gruppo Astrofili Hipparcos, Roma - http://www.hipparcos.it/
Osservo con:
Principalmente con Celestron C5, binocoli vari, occhio nudo e tutto ciò che si può puntare verso il cielo.


Top
  Profilo   WWW  
 
MessaggioInviato: martedì 28 aprile 2020, 11:33 
Avatar utente

Iscritto il: lunedì 19 gennaio 2009, 21:32
Messaggi: 2746
Località: LV426/Acheron
Resta il fatto che questo signore sta usando lo spazio che è un bene di tutti a suo vantaggio economico. Per un bar, mettere un tavolino in strada vuol dire prima ottenere la concessione e poi pagarla. Perché invece Elon Musk può usare lo spazio senza chiedere a nessuno e bontà sua rimedia solo al difetto più evidente?


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: martedì 28 aprile 2020, 11:47 
Avatar utente

Iscritto il: martedì 2 maggio 2006, 8:59
Messaggi: 5140
Località: Roma
Tipo di Astrofilo: Visualista
xenomorfo ha scritto:
Resta il fatto che questo signore sta usando lo spazio che è un bene di tutti a suo vantaggio economico. Per un bar, mettere un tavolino in strada vuol dire prima ottenere la concessione e poi pagarla. Perché invece Elon Musk può usare lo spazio senza chiedere a nessuno e bontà sua rimedia solo al difetto più evidente?


Guarda, io sono del settore e questo tipo di progetti, non solo Starlink ma anche i suoi concorrenti (Boeing, Amazon, etc...) non mi piace sotto molti aspetti, di cui quello dell'inquinamento luminoso potrebbe essere il meno grave. Ci sono altri problemi che non è chiaro come verranno gestiti dagli operatori

Per il discorso dei permessi, è un problema che viene discusso a livello di Nazioni Unite e COPUOS, e non è di facile soluzione. Adesso sarebbe troppo complicato da discutere qui. Una complicazione è che tutto ciò è fuori dal controllo delle agenzie spaziali, ed è stato messo sotto il controllo di altri enti regolatori, il corrispettivo del nostro Ministero delle Telecomunicazioni. Inoltre al momento a livello internazionale non esistono sistemi pratici per impedire di lanciare le megacostellazioni senza prendere decisioni potenzialmente pericolose per altri aspetti di politica internazionale e uso pacifico dello spazio.

Qui mi sono limitato a notificare cosa si muove per l'impatto sull'astronomia osservativa, il che potrebbe voler dire due cose:
1) che la movimentazione degli astronomi e astrofisici sta avendo qualche effetto, e SpaceX teme che se esagerano possano vedersi davvero bloccato il progetto. Il che sarebbe una buona notizia perché vuol dire che sanno di non poter fare ciò che gli pare;
2) che sta tentando di farsi una buona pubblicità con l'opinione pubblica, ma in realtà la soluzione degli schermi potrebbe essere anche la soluzione ad un loro problema tecnico: facendo ombra sulle antenne con delle superfici trasparenti alle onde radio, da una parte riducono le riflessioni ottiche, dall'altra potrebbe essere un sistema per il controllo termico delle antenne.

_________________
Claudio

"Los que van con prisa, nunca ven el cielo"
Gruppo Astrofili Hipparcos, Roma - http://www.hipparcos.it/
Osservo con:
Principalmente con Celestron C5, binocoli vari, occhio nudo e tutto ciò che si può puntare verso il cielo.


Top
  Profilo   WWW  
 
MessaggioInviato: martedì 28 aprile 2020, 15:27 

Iscritto il: martedì 26 dicembre 2017, 11:48
Messaggi: 554
I Minicubesat sono piccoli satelliti del peso di 1-2Kg, che hanno dimostrato di potere fare un sacco di cose.
Ogni starlink pesa almeno 260 Kg! Immaginate quante cose può fare e quante ne possono fare una costellazione di 60.000 starlink! Io non credo alla favola dell'internet veloce, che ho l'impressione sia solo una copertura. E se dietro ci fossero applicazioni militari? Il fatto che gli Usa e i governi occidentali nonostante i problemi che gli starlink stanno creando al traffico spaziale non impongano limiti la dice lunga... e russi e cinesi non staranno a guardare..


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: martedì 28 aprile 2020, 16:30 
Avatar utente

Iscritto il: venerdì 11 novembre 2011, 16:23
Messaggi: 2314
Località: Agropoli (SA)
Tipo di Astrofilo: Fotografo aspirante Visualista
Beh Renato, questo è tratto direttamente da Wikipedia alla voce “Starlink”:

.. SpaceX è intenzionata, inoltre, alla commercializzazione di alcuni dei suoi satelliti per scopi militari, scientifici ed esplorativi ...

_________________
Daniele

https://www.flickr.com/photos/182162372@N05/


Top
  Profilo   WWW  
 
MessaggioInviato: martedì 28 aprile 2020, 17:22 
Avatar utente

Iscritto il: martedì 2 maggio 2006, 8:59
Messaggi: 5140
Località: Roma
Tipo di Astrofilo: Visualista
Renato C ha scritto:
I Minicubesat sono piccoli satelliti del peso di 1-2Kg, che hanno dimostrato di potere fare un sacco di cose.
Ogni starlink pesa almeno 260 Kg! Immaginate quante cose può fare e quante ne possono fare una costellazione di 60.000 starlink! Io non credo alla favola dell'internet veloce, che ho l'impressione sia solo una copertura. E se dietro ci fossero applicazioni militari? Il fatto che gli Usa e i governi occidentali nonostante i problemi che gli starlink stanno creando al traffico spaziale non impongano limiti la dice lunga... e russi e cinesi non staranno a guardare..


L'internet veloce non è una copertura: stanno tutti puntando sul creare per primi una infrastruttura per l'IoT (Internet of Things), l'Internet delle Cose, che si aspetta essere il mercato grosso dei prossimi anni.
Nessuno sta puntando su un internet veloce nel senso di far partire prima il film su Netflix o videogiocare meglio.

L'IoT sarà una roba grossa, vorrà dire poter controllare in tempo reale grosse reti anche di piccole macchine o sensori da remoto, che fanno operazioni importanti a livello commerciale e industriale. Tipo controllare droni e macchine a guida autonoma, l'agricoltura automatizzata, la logistica delle merci, lo smistamento di migliaia di container, teoricamente anche "impacchettare" meglio il traffico aereo e uscire dalle logiche delle aerovie per il controllo del traffico, gestire nuove interfacce uomo/macchina che sono roba quasi da fantascienza adesso. Non è per niente lo smartphone più performante quando si naviga sul web.
Tutto questo prevede una massa di dati in circolazione che non ha precedenti, e qualcuno che li smisti a livello mondiale. L'Europa è un po' indietro sulla parte infrastrutture, la Cina è avanti sul settore di terra (apparati 5G), gli USA vedono il settore spazio come infrastruttura strategica anche per poter evitare di far passare dati dalle reti cinesi o europee.
Sempre che l'impatto della pandemia non rallenti di parecchio un po' di questi mercati, che hanno bisogno che l'economia giri.

I militari hanno i loro canali. In parte si appoggeranno a Starlink e alle altre costellazioni per qualcosa (ripeto, ci sono i progetti di Boeing, Amazon, e altri operatori che vogliono fare la stessa cosa), in larga parte useranno satelliti gestiti da loro per tutto ciò che è meglio non far passare da antenne civili. Ma il mercato delle reti veloci dallo spazio parte principalmente per scommesse economiche.

Che SpaceX lavori anche con i lanci per i militari, come fa da anni ULA, non è un mistero: i satelliti qualcuno glieli deve lanciare. Anzi, qualche tempo fa Musk ha montato una bella polemica proprio per aver perso una commessa per dei lanci per la difesa contro ULA (Boeing e Lockeed).

_________________
Claudio

"Los que van con prisa, nunca ven el cielo"
Gruppo Astrofili Hipparcos, Roma - http://www.hipparcos.it/
Osservo con:
Principalmente con Celestron C5, binocoli vari, occhio nudo e tutto ciò che si può puntare verso il cielo.


Top
  Profilo   WWW  
 
MessaggioInviato: martedì 28 aprile 2020, 17:58 
Avatar utente

Iscritto il: lunedì 19 gennaio 2009, 21:32
Messaggi: 2746
Località: LV426/Acheron
Mah... non mi è chiaro perché una lavatrice a Cernusco collegata via satellite (ioT) con una nem Montana dovrebbe lavare meglio. Idem per il trattore nel campo. Le macchine a guida autonoma? Hanno bisogno di capire quello che gli sta attorno non di parlottare a distanze tali da richiedere satelliti.

Sbaglierò ma questa storia IoT mi sa che è una bolla. E comunque i satelliti di SpaceX non comunicano direttamente con i device a terra. Serve una infrastruttura a terra che faccia da collegamento.


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: martedì 28 aprile 2020, 18:02 
Avatar utente

Iscritto il: lunedì 19 gennaio 2009, 21:32
Messaggi: 2746
Località: LV426/Acheron
PS la pandemia segnerà la fine della globalizzazione. A meno che non siamo così tonti da far fare di nuovo le mascherine (e i respiratori) in qualche remoto paese solo per pagarle 50 centesimi salvo non averne abbastanza proprio quando servono.


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: martedì 28 aprile 2020, 18:04 
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 9 maggio 2012, 13:59
Messaggi: 1494
Località: Provincia di Sondrio
Lo iot controllerà soprattutto noi, che già siamo tracciati con cellulari e pagamenti, ma con un sacco di sensori in giro si verrà tracciati semplicemente camminando tramite sensori bluetooth o rfid.
E non lo dico perché sono un complottista, tutt'altro, lavoro nelle telecomunicazioni.

Comunque il tanto amato Eelon potrà fare il bello ed il cattivo tempo finché alla guida degli usa resta il decerebrato.
Forse vi è sfuggita la notizia che Trump ha aperto allo sfruttamento commerciale dello spazio da parte delle società usa e che non ritiene lo spazio un bene comune!

https://www.media.inaf.it/2020/04/14/tr ... e-la-luna/

_________________
ES ULD 16' Gen II
Vixen A70Lf su Porta Mini
APM XWA serie completa
ES 82° 30, 18, 11
PLOSSL Vixen 20 6,3 Tecnosky 9
ES UHC OIII e ND variabile da 2"
Radiant SQML GSO Coma Corr.


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: martedì 28 aprile 2020, 18:14 
Avatar utente

Iscritto il: venerdì 27 luglio 2007, 23:20
Messaggi: 9559
Località: Milano
Tipo di Astrofilo: Visualista
no, non è sfuggita affatto.

a parte ogni altro ordine di considerazioni in cui non mi addentro perchè mi mancano troppi elementi e non ci ho mai riflettuto seriamente, un aspetto che mi preoccupa è che nel momento in cui una nuova tecnologia viene introdotta tende a svilupparsi una specie di "dipendenza" da quella tecnologia, non solo individuale, ma sociale, perchè la società tende a strutturarsi intorno a determinate tecnologie.

vale per l'aratro, vale per l'automobile, vale per internet, varrà per l'internet delle cose (che al momento mi suscita solo reazioni negative, ma alla quale finirò con l'abituarmi se e quando ci sarà).

quello che mi inquieta, al di là di tutto il resto (che dipende da mille fattori personali, ideologici etc) è che finchè si dipende dall'aratro, la tecnologia da cui si dipende è relativamente forte (ed è una tecnologia che è più facile anche da padroneggiare, comprendere, produrre, mantenere) quando invece si dipende da una rete che si presuppone connessa praticamente a tutto... a me sembra che una tecnologia del genere presenti molti rischi, presenti già oggi, del resto.

basta un blackout, una crisi energetica importante, una crisi economica importante o una crisi sanitaria o ecologica importante a mandare potenzialmente in tilt tutto.

provate a immaginarvi già oggi se, in concomitanza con la pandemia, ci colpisse una tempesta solare che mandasse in tilt tutti, o molti, sistemi elettronici, compresi satelliti... cosa faremmo senza gps? senza cellulari o computer? anche solo per pochi giorni...

io ho provato (per un disguido incorso durante una festività) a passare solo due giorni senza corrente elettrica e vi assicuro che è stata un'esperienza particolare... ed ero solo io ad avere il problema.

possono essere preoccupazioni esagerate, non so, non sono particolarmente informato/ferrato in materia quindi potrei sbagliarmi...

_________________
dovrete espellere anche me


Top
  Profilo    
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 33 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3, 4  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 13 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010